Home » » Arsenico, Panunzi (Pd): ''La miscelazione delle acque è la soluzione definitiva al problema''

 

Arsenico, Panunzi (Pd): ''La miscelazione delle acque è la soluzione definitiva al problema''

TARQUINIA - “Per risolvere definitivamente il problema delle arsenico nella Tuscia occorre miscelare le acque”. Lo afferma il consigliere regionale Enrico Panunzi (Pd). Il vice presidente della decima commissione ha presentato l’11 gennaio al consiglio regionale un ordine del giorno che l’assemblea ha accolto per chiedere investimenti nella realizzazione di impianti di miscelazione. Il documento impegna il presidente Nicola Zingaretti e gli assessori competenti in materia nel porre in essere tutte le azioni necessarie al raggiungimento dei parametri di potabilizzazione delle acque, mediante la predisposizione di idonei finanziamenti per la realizzazione dei sopra descritti impianti di miscelazione. Detti interventi si rendono ancor più necessari, ai fini della dismissione degli impianti di dearsenificazione esistenti, in considerazione della loro breve vita economica, che porta ad una obsolescenza di circa 8/10 anni, tale da prevederne la sostituzione in tempi non lontani, con un investimento di circa 60 milioni di euro, di cui è impossibile garantire lo stanziamento. «Realizzare un sistema di miscelazione delle acque ha un duplice vantaggio – sottolinea Panunzi –. Da una parte, una programmazione acquedottistica di sistema su tutto il territorio e l’attuazione di interventi di ricerca e riduzioni delle perdite assicurerebbero un servizio idrico di qualità a costi sostenibili. Dall’altra si avrebbe una notevole riduzione delle spese, a fronte dei costosi dearsenificatori. Sistemi che richiedono una manutenzione costante e dispendiosa e che devono essere sostituiti pochissimi anni dopo dalla loro entrata in funzione”. Nella Tuscia sono stati installati 86 impianti di potabilizzazione che trattano mediamente una portata massima complessiva di 1,5 m3/s (1,5 volte la porta media necessaria sul territorio) e il loro esercizio determina un costo annuo ben superiori ai 10 milioni di euro all’anno.  Con la stessa spesa, in un arco temporale breve, 10 anni, si potrebbero realizzare soluzioni acquedottistiche integrate e attuare un programma di riduzione perdite, capaci di assicurare una fornitura idrica di qualità per una pari portata di circa 1,5 m3/s.

(11 Gen 2019 - Ore 20:44)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy