LUNEDì 22 Gennaio 2018 - Aggiornato alle 18:00

Home » » Affidati i lavori per la messa in sicurezza di ‘‘Caerelandia’’

 

Affidati i lavori per la messa in sicurezza di ‘‘Caerelandia’’

Saranno eseguiti dalla ditta Marrocchini Scavi Srl. L’importo è di circa 39mila euro che sarà addebitato in danno alla Bonder Sas ex concessionaria 

CERVETERI - Il comune di Cerveteri ha affidato alla dita Marrocchini Scavi Srl i lavori per la messa in sicurezza dell’area verde di proprietà comunale dove sorgeva il parco giochi ex Caerelandia in località Cerenova. La vicenda da anni al centro di una serie di azioni legali promosse dal comune per costringere il gestore a rispettare quanto stabilito nella convenzione si è conclusa nel giugno scorso con la sentenza del Consiglio di Stato. Ogni azione legale promossa sulla vicenda ha visto vincente il Comune. Con l’ordinanza di sgombero del luglio scorso e successive proroghe fino al 10 settembre è stato ordinato alla società Bonder Sas, assegnataria della gestione dell’area, «la rimozione immediata dall’area stessa di quanto in essa depositato, tra i quali, un ingente quantitativo di materiale di risulta abbandonato, residui di strutture e giochi precedentemente installati, e un notevole quantitativo di materiale proveniente da inspiegabili, inutili e dannose demolizioni eseguite in loco di pavimentazioni, camminamenti ed altro».  Ha assegnato alla stessa il termine di 10 giorni, dando atto che, decorso infruttuosamente tale termine l’amministrazione avrebbe provveduto direttamente, previo accesso forzoso all’area stessa, alla rimozione di quanto ivi illegittimamente depositato ed alla rimessa in pristino dello stato dei luoghi, avvalendosi di ditta appositamente incaricata, con addebito di ogni spesa a carico dell’autore della violazione e con riserva di adire le ulteriori azioni legali a difesa dell’interesse pubblico.  Anche gli abitanti della zona hanno più volte segnalato la situazione di pericolo venutasi a determinare all’interno dell’area e da ultimo, vista la situazione di degrado esistente ed in particolare la presenza di un ingente quantitativo di materiale depositato, tenuto conto che nonostante la chiusura dell’accesso operata dal Servizio Ambiente vari ragazzi sono stati visti all’interno dell’area, hanno richiesto all’amministrazione di provvedere alla rimozione di quanto in essa depositato per la relativa messa in sicurezza, anche al fine di riconsegnarla agli abitanti di Cerenova e a tutta la comunità. I lavori costeranno ora al comune quasi 39mila euro, importo che secondo l’ordinanza sarà successivamente imputato alla Bonder Sas.

(23 Dic 2017 - Ore 10:30)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Civitavecchia, L'occhio

Mosaico(foto Rosario Sasso)

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
banner CivonSale
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Lunedì non si ritira l’umido

    19 Gen 2018 - CERVETERI - Elena Gubetti, assessora all’Ambiente, rende noto che a causa di un’emer ...

  • Scarichi a mare: fuori i responsabili

    19 Gen 2018 - Non una scoperta choc quella di questi giorni ma uno scempio ambientale che dura da anni perchè a Ceri non c’è mai stato il depuratore. Riunione operativa tra il sindaco Pascucci, l’ufficio tecnico del Comune e i vertici di Acea Ato 2 sul tema della depurazione. La Procura di Civitavecchia ha aperto un fascicolo contro ignoti per appurare le responsabilità

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 - Editore SEAPRESS srl, c.f. 06832231002
Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471
Direttore responsabile Luca Grossi - © Copyright 1999-2018 SEAPRESS - Privacy Policy