Data: 16/03/2003 12:46

Antenne, Annibali chiede l'annullamento della concessione

Tolfa. Il consigliere dei Ds ha depositato un'interrogazione al sindaco Battilocchio

Notizia:
TOLFA - Ieri Giancarlo Annibali (Ds) ha depositato un'interrogazione sulla concentrazione di antenne telefoniche, che presto interesserà il Poggio delle Croci. Il consigliere di minoranza, che prosegue nella battaglia iniziata sei mesi fa, pone due quesiti al sindaco Battilocchio. In primo luogo, chiede l'annullamento delle delibere che concedono a Tim e Icot di installare due antenne e della delibera che rinnova la concessione a Vodafone-Omnitel. Ma c'è dell'altro. Il 18 settembre scorso venne presentata una petizione firmata da circa trecento cittadini, in cui si chiedeva che le antenne di Tim e Wind non venissero poste sul Poggio delle Croci e che l'antenna Omnitel già esistente venisse spostata. I cittadini proponevano di trasferire le tre antenne al di fuori del centro abitato. Ebbene, Annibali sostiene che "il sindaco non ha seguito l'iter previsto dall'art. 40 dello Statuto comunale". Secondo questo articolo, una volta consegnata la petizione, il primo cittadino deve riferire all'organo competente di circostanza. Ed ha tempo trenta giorni per pronunciarsi sulla questione in discussione, informando i gruppi consiliari ed i firmatari. Questa procedura, secondo Annibali, non sarebbe stata rispettata. Nel frattempo, ribadisce ancora una volta che "i terreni messi a disposizione dall'Università Agraria per l'installazione dell'antenne fuori del paese devono essere presi in considerazione dall'amministrazione comunale. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che il Poggio delle Croci è vicinissimo ad una zona abitata ed alle scuole medie". "Resta inoltre importante - conclude - la stesura e l'approvazione di un regolamento sulla telefonia mobile, come proposi qualche tempo fa in commissione Edilizia".

 

TORNA ALLA RICERCA ARCHIVIO