Data: 08/03/2003 13:56

Il comune propone soluzioni per la salute della donna

Ladispoli. La delegata Luciana Sozio parla della inadeguatezza delle dotazioni tecniche nelle strutture mediche

Notizia:
LADISPOLI - Nella giornata della Donna, l’amministrazione ha organizzato il convegno sul tema “Otto marzo 2003, la prevenzione”, in collaborazione con l’associazione “50 e dintorni”. Sabato mattina, alle 9.30 presso la sala consiliare, parlano esperti della salute femminile: il professor Lucio Maria Porfiri, docente della facoltà di ginecologia alla Sapienza di Roma, Anna Giugliano, ostetrica fondatrice del progetto “Spazio donna” e la psicoterapeuta Marisa Gerosa. Al dibattito partecipano come amministratori comunali il sindaco Gino Ciogli e il vice sindaco Rosaria Russi. Il consigliere delegato alla salute, Luciana Sozio fa da moderatore e annuncia una grossa novità per la prevenzione della salute sul litorale. “Al convegno parteciperà anche il direttore sanitario dell’Azienda locale Rm F di Civitavecchia, Giuseppe Quintavalle, che si è impegnato ufficialmente ad attivare, entro breve tempo, il servizio di screening mammografico a Ladispoli - ha detto Luciana Sozio - la prevenzione è determinante, una donna su dodici è colpita da tumore al seno, per chi oltrepassa i quaranta anni è un esame fondamentale a cui sottoporsi.” Il consigliere ha aggiunto che nel comprensorio non esistono presidi sanitari dotati di apparecchiature per la mammografia e le donne sono costrette a rivolgersi alle strutture private, il convegno intende aprire un’opera di sensibilizzazione”. Si parla anche delle malattie degenerative delle ossa, Sozio ha osservato come queste ultime siano spesso sottovalutate, colpendo le donne della fascia in pre menopausa. “È un altro esame vitale oltre i 45 anni, poche donne vi si sottopongono, perché non abbiamo attrezzature adatte sul litorale, privatamente è molto oneroso - dice la delegata alla salute – proponiamo come comune una campagna di prevenzione della osteoporosi e l’attivazione di un servizio di esami a costi abbattuti del venti per cento”. La salute in città è sempre più al centro del dibattito negli ultimi mesi.

 

TORNA ALLA RICERCA ARCHIVIO