Data: 06/03/2003 12:40

Elettrici, la Faile Cisal chiede lo stato di crisi

Già avviati i contatti con il Ministero delle Attività Produttive: "E' una conseguenza della grave situazione dei lavoratori nella zona"

Notizia:
La Faile Cisal ha chiesto lo stato di crisi per il settore elettrico di Civitavecchia. La richiesta è stata rivolta lunedì al consiglio comunale aperto sullo sviluppo ed in tal senso sono stati avviati anche i primi contatti con il Ministero delle Attività Produttive. “Lo stato di crisi, afferma il responsabile del Dipartimento Produzione Faile Cisal, è una conseguenza della gravissima situazione dei lavoratori elettrici della Zona, Terna, Ape e Sfera, della perdita di 200 posti di lavoro a Torre Valdaliga Sud, della mancata riconversione di Torre Nord e della chiusura del Medio Tirreno”. La Faile Cisal lancia quindi un appello a tutte le forze sindacali ed ai lavoratori elettrici al fine di ottenere un piano ministeriale per la salvaguardia dell’occupazione del settore a Civitavecchia.

 

TORNA ALLA RICERCA ARCHIVIO